LE TASTIERE DELL'ORGANETTO A DUE BASSI
L'organetto a due bassi (tradizionalmente soprannominato "du' botte" nelle regioni Abruzzo, Molise, Lazio e Marche) rappresenta il tipo più antico ed originale di organetto italiano. Derivato da modelli nordeuropei simili, con una sola fila di tasti e due bassi (melodeon, ecc.), si differenzia per la presenza di tre tasti ("vocette") in seconda fila sulla tastiera melodica.
Per semplificazione lo schema che segue si riferisce ad uno strumento in tonalità di SOL maggiore.
La tastiera dell'accompagnamento comprende 2 accordi maggiori (RE+, SOL+) con le relative note di basso.
La tastiera melodica (o del canto) comprende 12 bottoni, di cui 9 nella prima fila e 3 nella seconda, con una estensione di due ottave. Con riferimento all'altezza delle note sul pentagramma, va tenuto presente che il SOL eseguito in chiusura con il 5° bottone della prima fila corrisponde al SOL 3 (SOL sulla seconda linea del pentagramma).
Da notare che sul primo dei tre tasti della fila interna le note SOL e LA vengono eseguite rispettivamente aprendo e chiudendo il mantice, cioè all'inverso rispetto a come si eseguono sul modello a 8 bassi.
Per maggiore chiarezza riportiamo una tavola di corrispondenza delle tastiere degli organetti a 8 e 2 bassi.
WebMaster: isalvi@libero.it
Redazione: info@organetto.it
© Organetto.it - tutti i diritti riservati